Il cibo divide - Il cibo unisce 

Installazioni ambientali-Performance collettiva

Nell’ambito della programmazione periodica dell’evento “Il Cibo che Unisce”, Eureka! ha presentato due  forme di avanguardie artistiche, rappresentando la tematica del rapporto tra uomo e cibo: Il Cibo che unisce ed il Cibo che divide. Ma cosa si intende davvero con questa doppia qualificazione del cibo? In realtà il cibo è intriso di significati simbolici ed ha un valore sacrale in molte culture. Potremmo interpretare l’alimentazione come la base che rende possibile il costituirsi ed il perfezionarsi della cultura umana: una volta si credeva che un popolo potesse migliorare solo migliorando la propria alimentazione. L’uomo è ciò che mangia, diceva qualcuno. Tuttavia, oggi più che mai, possiamo affermare che esiste l’esigenza di un'unità inscindibile fra psiche e corpo, e che per pensare meglio dobbiamo alimentarci meglio. Mente, anima, corpo, un nuovo slogan per sopravvivere all’idea del cibo OGM o in scatola come fosse veleno misto a detriti e avanzi scaduti. Il Cibo che divide, quindi, è l’altra faccia della medaglia sociale, l’ingannevole distacco dalla natura madre, un inganno per le carni. Eureka! racconta l’esistenza di tale dicotomia filosofica basata sul Cibo, a partire dal massacro del Cibo che divide e allontana con una serie di installazioni ambientali di denuncia, dal taglio drammatico e provocatorio, dinanzi alle quali risulta naturale porsi domande di natura esistenziale. Il luogo che accoglie l’esposizione, è abbandonato e decadente come il cibo che divide e separa da se stessi e dalla vita. D’altro canto, la visione di Eureka! del cibo che unisce è in contrapposizione e rappresenta l’idea di un cibo non solo salutare, ma anche capace di aggregare. L’Arte, quindi, esalta la funzione sociale del cibo attraverso la rappresentazione di una performance collettiva; più artisti con performance singole tra loro collegate, hanno dato vita ad una rappresentazione interattiva che ha teso fino al coinvolgimento emotivo più estremo ed interiorizzato: sedersi l’uno accanto all’altro e mangiare insieme. L’interazione performativa ha raccontato la storia dell’umanità a lieto fine che ritrova se stessa nella reciprocità sana e deliziosa di una cena in comune.  Un’immagine di monito per l’umanità che ha dimenticato cosa fare per amarsi ancora.

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Installazioni ambientali

Momento performance

Momento performance

Momento performance

Momento performance

Momento performance

Momento performance

Momento performance

Momento performance

Momento performance

Momento performance